😠 Acerbi rompe il silenzio: “Non si può dare del razzista per un malinteso”

Dopo giorni di silenzio in seguito alla vicenda con Juan Jesus ed alla sentenza del Giudice Sportivo, Francesco Acerbi è tornato a parlare dando il suo punto di vista con parole forti

Francesco Mazza
4 Min Read

Dopo la sentenza che lo ha assolto per il caso Juan Jesus, Acerbi ha rotto il silenzio. In un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, il difensore si è così espresso: “Sono triste e dispiaciuto: abbiamo perso tutti. Quando sono stato assolto, ho visto le persone reagire come se fossi uscito dopo 10 anni di galera, molto contente di essere uscite da una situazione del genere: sono state giornate molto pesanti”.

- Pubblicità -

Acerbi ha proseguito: “Perché parlo solo oggi? Avevo fiducia nella giustizia e non volevo alimentare il polverone. Adesso vorrei dire la mia, senza avere nulla contro Juan Jesus, anzi sono molto dispiaciuto per lui, ma non si può dare del razzista ad una persona per una parola malintesa nella concitazione del gioco. E non si può continuare a farlo anche dopo che sono stato assolto”.

Acerbi: “Accanimento come avessi ammazzato qualcuno, si sta umiliando una persona”

Riguardo la sentenza, il difensore dell’Inter ha usato parole forti: “Nella liberazione sono comunque triste per la situazione che si è creata, per come era finita in campo e per come ci hanno marciato sopra senza sapere nulla. Dopo l’assoluzione ho percepito un grandissimo accanimento, come se avessi ammazzato qualcuno.

Juan Jesus e Acerbi, Inter-Napoli
Juan Jesus e Acerbi, Inter-Napoli @Twitter

E ancora: “Questa non è lotta contro il razzismo. Io non sono razzista: il mio idolo era George Weah. Si sta solo umiliano una persona, massacrando e minacciando la sua famiglia, ma per che cosa? Per una cosa che era finita sul campo e nella quale il razzismo non c’entra niente. Il razzismo è una cosa seria, non un presunto insulto”.

Acerbi: “In confronto la malattia è stata una passeggiata, per tanti sono razzista”

Dopo la malattia, Acerbi ha vissuto altri giorni complicati ma non ha dubbi su cosa sia stato peggio: Non c’è paragone, quella in confronto è stata una passeggiata, non ho avuto paura. Invece l’accanimento atroce in questi giorni mi ha ferito. Ho fatto tanto per togliermi l’etichetta che avevo quando ero più giovane e diventare un esempio di costanza e professionalità e ho rischiato di perdere tutto in un attimo”.

Sul rischiare la carriera: “Se ti danno 10 giornate e passi per razzista cosa fai? Sarei stato finito non come calciatore, ma come uomo. Tutti avevano già emesso la loro sentenza. E per tanti sono razzista anche adesso: sinceramente non ci sto, le gogne mediatiche non vanno bene e non servono a risolvere un problema come quello del razzismo, che non intendo sminuire nemmeno un po’, voglio sia chiaro”.

- Pubblicità -

Acerbi ha terminato parlando anche del futuro con l’Italia: “Non mi aspetto niente. Per adesso preferisco non dire nulla sulla Nazionale, è giusto che prima ne discuta con Spalletti. Sono stanco, dopo oggi metto un punto alla vicenda. E non voglio più parlarne”.

Seguici sui nostri canali

Si Parla di:
Share This Article
- Pubblicità -

Ultime Notizie

Ultima Ora

❓ PSG, fallimento o rinascita? L’Atletico annusa l’impresa

Senza squadre italiane ancora in gara, la Champions League si conferma scintillante e alquanto indecifrabile. Quarti di finale in totale equilibrio, alla luce dei match di andata, in cui sono…

🚑 Infortunio Messias, Gilardino trema: si riempie l’infermeria del Genoa

Nel corso del primo tempo del match tra Fiorentina e Genoa, valida per la 32ª giornata di Serie A e terminata sul risultato di 1-1, Junior Messias si è ritrovato…

- Pubblicità -

⚽ Stories

Approfondimenti e Indagini

🎩 L’ultima magia di Luis Alberto

"Casomai non dovessimo rivederci buon pomeriggio, buonasera e buonanotte". Non sono queste le esatte parole che Luis Alberto ha pronunciato al termine di Lazio-Salernitana, ma il Mago biancoceleste ha deciso…

- Pubblicità -

Altre Notizie

Tutte le altre News recenti

🧨 Chelsea-Everton 6-0, Palmer mattatore: incubo Pickford

La 33ª giornata di Premier League si è conclusa con la sfida tra Chelsea ed Everton finita sul risultato di 6-0. Una partita indirizzata dagli uomini di Pochettino sin dai…

🗒️ Pagelle Atalanta-Verona 2-2: magic moment per Scamacca, Noslin trascina Baroni

Cala il sipario sulla trentaduesima giornata di Serie A, con un altro match che ha regalato emozione ed una rimonta. Atalanta e Verona pareggiano 2-2, con i padroni di casa…