📢 Acerbi-Juan Jesus, il dado è tratto: la decisione sulla squalifica

Il Giudice Sportivo ha emesso la sentenza sul caso dei presunti insulti razzisti di Acerbi a Juan Jesus in occasione della partita tra Inter e Napoli

Riccardo Siciliano
2 Min Read

Dopo un’attesa di oltre una settimana, è arrivata l’attesa decisione sul caso Acerbi-Juan Jesus e sui presunti insulti razzisti rivolti dal centrale azzurro in occasione della partita tra Inter e Napoli. Il Giudice Sportivo, dopo aver richiesto un supplemento di indagine, ha optato per non sanzionare il difensore nerazzurro, che sarà dunque a disposizione di Inzaghi al rientro dalla sosta.

- Pubblicità -

Acerbi è stato assolto per insufficienza di prove, in una vicenda che ha spinto il ct della Nazionale Luciano Spalletti ad escluderlo dal ritiro dell’Italia per le due amichevoli negli Stati Uniti contro Venezuela e Ecuador.

La motivazione

Questa la nota ufficiale sul caso: “Ritenuto di dover premettere che l’odierno procedimento si è incardinato sulla base delle risultanze dei documenti ufficiali e in particolare di quanto riportato nel referto del Diretto di gara circa gli accadimenti in campo rappresentati all’arbitro medesimo, che riferiva quanto segnalatogli dal calciatore Juan Jesus circa le presunte espressioni offensive di discriminazione razziale da parte del calciatore Acerbi“.

Rilevato che la condotta discriminatori per la sua intrinseca gravità e intollerabilità, perdipiù quando riferita alla razza, al colore della pelle o alla religione della persona, deve essere sanzionata con la massima severità a norma del Codice di giustizia sportiva e delle norme internazionali sportive, ma occorre che l’irrogazione di sanzioni così gravose sia corrispondente assistita da un benché minimo corredo probatorio, o quanto meno da indizi gravi“.

Rilevato che nella fattispece la sequenza degli avvenimenti e il contesto dei comportamenti è compatibile anche con una diversa ricostruzione dei fatti, essendo raggiunta la profa dell’offesa ma rimanendo il contenuto gravemente discriminatorio confinato alle parole del soggetto offeso, senza alcun ulteriore supporto probatorio e indiziario esterno, diretto e indiretto, anche di tipo testimoniale; Ritenuto pertanto che non si raggiunge nella fattispece il livello minimo ragionevole certezza circa il contenuto sicuramente discriminatorio dell’offesa recata; di non applicare le sanzioni previste dall’art.28 CGS nei confronti del calciatore Francesco Acerbi“.

Seguici sui nostri canali

Si Parla di:
Share This Article
- Pubblicità -

Ultime Notizie

Ultima Ora

❓ PSG, fallimento o rinascita? L’Atletico annusa l’impresa

Senza squadre italiane ancora in gara, la Champions League si conferma scintillante e alquanto indecifrabile. Quarti di finale in totale equilibrio, alla luce dei match di andata, in cui sono…

🚑 Infortunio Messias, Gilardino trema: si riempie l’infermeria del Genoa

Nel corso del primo tempo del match tra Fiorentina e Genoa, valida per la 32ª giornata di Serie A e terminata sul risultato di 1-1, Junior Messias si è ritrovato…

- Pubblicità -

⚽ Stories

Approfondimenti e Indagini

🎩 L’ultima magia di Luis Alberto

"Casomai non dovessimo rivederci buon pomeriggio, buonasera e buonanotte". Non sono queste le esatte parole che Luis Alberto ha pronunciato al termine di Lazio-Salernitana, ma il Mago biancoceleste ha deciso…

- Pubblicità -

Altre Notizie

Tutte le altre News recenti

🧨 Chelsea-Everton 6-0, Palmer mattatore: incubo Pickford

La 33ª giornata di Premier League si è conclusa con la sfida tra Chelsea ed Everton finita sul risultato di 6-0. Una partita indirizzata dagli uomini di Pochettino sin dai…

🗒️ Pagelle Atalanta-Verona 2-2: magic moment per Scamacca, Noslin trascina Baroni

Cala il sipario sulla trentaduesima giornata di Serie A, con un altro match che ha regalato emozione ed una rimonta. Atalanta e Verona pareggiano 2-2, con i padroni di casa…